Logo Coro Monte Pasubio

Coro Monte Pasubio RovigoBanca Credito Cooperativo

Stefania SgardioloROVIGO - San Vito di Cadore è stata la recente meta per il coro "Monte Pasubio RovigoBanca" e precisamente ieri con un concerto serale ed una festosa tournée in montagna. Giunto nel tardo pomeriggio a Cortina d'Ampezzo, il gruppo polesano ha improvvisato una breve esibizione in centro, catalizzando numerosissimi spettatori fra i tanti che affollavano il corso centrale. Un artigiano appassionato di canti popolari ha successivamente invitato il coro a cantare davanti alla sua bottega di intarsi in legno: ne è nata un'altra applauditissima performance, che ha creato gags e divertimento nella splendida cornice delle montagne ampezzane. Poi in serata, il concerto nella sala polifunzionale di San Vito di Cadore, davanti a un foltissimo pubblico, oltre 250 persone tra le quali anche numerosi polesani che trascorrono le vacanze nel Cadore. La rassegna, che annovera nel suo albo d'oro i nomi dei cori più prestigiosi, incluso quello del leggendario coro Cortina di Bregani, è stata aperta dal pubblico locale di San Vito di Cadore, che ha cantato alcuni brani elaborati dal musicista veneto Lamberto Pietropoli. A seguire, l'esibizione del Gruppo Corale "Maranina", diretto da Mario Lovato, autore, fra l'altro, di gran parte dei brani eseguiti. Il gruppo, formato per la maggior parte da voci femminili, ha da poco festeggiato i 15 anni di attività; piacevole, in particolare, l'esecuzione di un brano di Bepi De Marzi, dedicato al Pelmo, composto nella prima stagione ispirativa.Al "Monte Pasubio" è toccato l'onore di chiudere la serata, con una selezione di canti assai varia, nella quale figuravano composizioni di Bepi De Marzi, Gianni Malatesta, Marco Maiero e armonizzazioni di Mario Lanaro e Giorgio Vacchi. Apprezzabile in particolare l'esecuzione di "Polesine", un canto nato da una celebre poesia del polesano Gigi Fossati, musicata negli anni cinquanta e rielaborata per cori maschili a quattro voci da Giorgio Vacchi. Musica e poesia costituiscono un "unicum" che davvero caratterizza il repertorio del gruppo polesano, diretto da Pierangelo Tempesta.Per il coro, dopo le meritate ferie agostane, ad attenderlo un vero e proprio tour de force con un nutrito programma che prevede in sintesi: il 4 settembre la kermesse di musica e letteratura a Villa Mocenigo di Canda; il 17 settembre la presentazione in Accademia dei Concordi del dvd dedicato ai 45 anni di attività del coro; infine a seguire altre esibizioni nel territorio polesano e in Val Trompia, dove parteciperà ad un'importante rassegna corale.Il coro è una rete di relazioni in cui ognuno regala una parte importante del suo tempo per continuare a coltivare gli stessi interessi e impegni di un tempo e portarli con il canto anche in realtà diverse.

Pubblicato il 2011-08-18 21:39:52